Quantaradio

Il blog di Quantaradio

OLTRE I 5.000.000 | Quanta Radio Tv

L'ipocrisia del Covid sulla povertà

di giandiego marigo

Quando si parlava, nel 2019, di più di 4.500.000 di individui in “Povertà Assoluta” sembrava una cifra assurda, vergognosa in un paese del primo mondo. Il 2020 ci consegna una cifra devastante, siamo oltre i 5.600.000... otre 2.000.000 di famiglie senza un sostentamento stabile. Mentre il 2021 si annuncia persino peggio.

Certo, la Pandemia, ottima scusa dietro la quale nascondere il progetto del nuovo Medio Evo. Ormai si giustifica tutto con il Covid19, dalla perdita dei diritti, alla censura, al crollo della parvenza della democrazia, passando per la distruzione delle ceneri della Sanità diffusa, sino all'aumento esponenziale delle povertà. Tutto questo mentre, stranamente, i capitali dei pochissimi continuano ad aumentare molto più rapidamente della diffusione del virus del secolo.

San Scemo infuria... e l'Italia affonda.

L'immagine rimandata dai media è quella d'un terrore diffuso che annichilisce e blocca qualsiasi possibile reazione. Siam messi davvero bene!

Badate! Quest'aumento avviene con la barzelletta dei licenziamenti bloccati e, sembra assurdo, con un usuraio al potere.

Il 2021 si prospetta come anno persino peggiore del vecchio 2020 bisesto? Sembra che sia così!

Cosa si nasconde dietro alla pandemia? Ben celato fra terapie intensive e numero dei decessi più o meno realistico (ormai si muore solo di Covid, lo dice persino il mio medico di base che tutto è salvo che complottista o anarchico).

Cosa nasconde la modernizzazione, la digitalizzazione, l'automazione,cosa ci riservano gli algoritmi sempre più articolati e complessi. Cosa ci riserva la robotica che fa capolino dietro il paravento della pandemia?

Ogni cambio epocale passa da un Evo Mediano. Gli imperi non cadono... checché ne dica il racconto storico, si trasformano. Il potere non si è mosso molto nei secoli ed è rimasto, perlopiù, in mano al medesimo numero di persone. Con qualche cambio interno, certo, ma con la medesima rarefazione.

L'aumento della povertà assoluta è indice di un passaggio verso un nuova era? Dovrà aumentare ancora sino a depopolare, con la patina di una recitata impotenza del potere?

Chiedetevi come mai i pantagruelici guadagni dei pochi e gli emolumenti faraonici dei loro burattini e servitori, non solo non diminuiscano mai, ma siano assolutamente garantiti ed in costante aumento.

Chiedetevi come mai costoro guadagnino dalle vostre disgrazie e guadagnino tanto di più quanto più devastante sia la disgrazia.

Fatevi delle domande! Reagite!

Cinque milioni e seicentomila persone in povertà assoluta... pari al 9,4% della popolazione totale, agghiacciante e molti girandosi indietro la vedono avanzare verso di loro. Molti, molti di più di quanti si possa supporre.

Chi garantisce queste persone? Questi esseri umani, figli del medesimo cielo, che sovrasta i ricchi miliardari?

Uno stato sorretto da un banchiere? La pietà pelosa di una borghesia benestante sempre più impaurita e ridotta? I rimasugli del banchetto di coloro che continuano tranquillamente a mangiare molto più di quanto abbisognino, che accumulano per il mero piacere d'essere padroni della materia?

Davvero è questa la società che volete? Perché sia chiaro, quello che sta avvenendo non è né casuale, né ancor mano causale... Aumenterà con l'affermarsi dell'automazione e la diminuzione  dei posti di lavoro che verranno gradualmente, ma inesorabilmente occupati da macchine ed algoritmi intelligenti, ma cinici e crudeli, non che gli umani fossero molto migliori, ma almeno dichiaravano, anche se spesso a vanvera, di avere un'anima.

Fantascienza? Purtroppo no, ormai la distopia è qui e la realtà supera la fantasia... di fanta è rimasto poco, sempre meno.

Ci resta il fantasy o la descrizione di imperi futuribili (stranamente sempre imperi).

La distopia della caduta delle nazione, dell'impero delle multinazionali, della nuova nobiltà separata dal fango del volgo... quella purtroppo sta diventando, sempre più, tangibile e reale. E non è ancora finita!

App Android

Scarica l'App per il tuo smartphone Android

App IOS

Disponibile anche per i dispositivi Apple

Mobile Link

Ascolta la radio dal tuo smartphone