Cruelty Free

  • Written by: Giandiego
  • Category: Cruelty Free
  • Hits: 116

SPERIMENTANDO NELL'ANGOLO COTTURA

 
Poco tempo e tanta fame? Ok, inventiva e creatività non possono e non devono mancare in cucina. 
E così oggi nasce questo spaghetto alla crema di zafferano, tofu affumicato, salvia e aglio.

 Ho fatto così:

Cosa mi serve per due porzioni

160 gr  di spaghetti integrali 

40 gr circa di tofu affumicato 

4/5 foglie di salvia 

1 spicchio d'aglio 

1 cucchiaio di amido di mais

3/4 cucchiai di latte vegetale 

2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie

olio, sale e pepe (miso opzionale) 

1 mestolo di acqua di cottura della pasta 

 

Metto sul fuoco la pentola con l'acqua per la pasta.

In una padella scaldo due/tre cucchiai di olio con le foglie di salvia e lo spicchio d'aglio, quando le foglie sono croccanti e l'aglio imbiondito (si possono togliere, ma io le lascio)  aggiungo il tofu grattugiato, un pizzico di sale e pepe, lascio sfrigolare per qualche minuto  poi tolgo dal fuoco. 

Nel frattempo l'acqua bolle e ci metto gli spaghetti.

In una terrina sciolgo l'amido di mais con il latte vegetale, aggiungo l'intingolo e il lievito in scaglie. 

Quando la pasta è quasi cotta prelevo un mestolo di acqua di cottura, lo verso nella terrina con l'intingolo, mescolo bene, controllo la sapidità e nel caso aggiungo sale o miso.

Scolo gli spaghetti, condisco e ... il rancio è pronto!  ;) 

 

  • Written by: Giandiego
  • Category: Cruelty Free
  • Hits: 115

DIARIO DI UNA ERBORISTA 2-sciroppo di sambuco 2° parte

di Tatiana Maselli
 
Sciroppo di sambuco parte 2.
 
Dopo 48 ore di macerazione a freddo in acqua dei fiori con le fette di limone ho filtrato tutto, strizzato bene i fiori e raccolto un litro di liquido in una pentola.
Ho poi aggiunto un chilo di zucchero e un cucchiaio di aceto di mele, portato a bollore e lasciato bollire per una decina di minuti.
Nel frattempo ho sterilizzato tre barattoli e una bottiglia in forno a 100°C.
Infine ho travasato lo sciroppo nei barattoli (che ho capovolto per fare il sottovuoto) e nella bottiglia.
I barattoli li terrò per l'inverno e ne sperimenterò l'azione su eventuale raffreddore e/o febbre.
La bottiglia la conserverò in frigorifero e la userò per sciroppi dissetanti, mescolando poco sciroppo in acqua, e ovviamente per preparare l'hugo, un aperitivo fresco e non troppo alcolico.
La ricetta dell'hugo prevede:
150 mL di Prosecco
20 mL di sciroppo di sambuco (in alcune ricette si usa sciroppo di melissa)
ghiaccio
seltz o soda
foglie di menta fresca
una fetta di limone
Salute 
PS: la cannuccia è compostabile.
  • Written by: Giandiego
  • Category: Cruelty Free
  • Hits: 134

DIARIO DI UNA ERBORISTA 1- Sciroppo di Sambuco- 1° parte

di Tatiana Maselli

 

Può un'erborista non aver mai preparato lo sciroppo di sambuco?
Confesso di non averlo mai fatto prima perché non ho mai sentito "mia" questa pianta, ma oggi nel bosco non le ho saputo resistere, così ho improvvisato una borsa di fortuna con un telo e ho raccolto un po' di ombrelle.
Il sambuco è un rimedio erboristico di cui si usano bacche, fiori e seconda corteccia, che hanno un fitocomplesso diverso e dunque proprietà diverse.
Per lo sciroppo si usano i fiori che hanno proprietà depurative, diuretiche, diaforetiche (sudorifere).
Vengono utilizzati da soli o con altre erbe in caso di febbre, raffreddore, problemi respiratori, cistiti, dermatiti.
I fiori vanno raccolti quando sono belli bianchi, aperti e profumati,non devono essere né boccioli né più morti che vivi.
Lo sciroppo si prepara poco dopo la raccolta alternando in un barattolo in vetro fiori e fette di limone, per poi coprire con acqua (io ho usato circa 40 ombrelle, 5 limoni e 1,6 litri di acqua e per la ricetta ho preso ispirazione da #perAmore _ciboinviaggio.
Il barattolo deve essere ben pulito, i limoni vanno lavati e fiori vanno ripuliti da insettini e polvere sbattacchiandoli un po' (non troppo) e ripuliti dalle parti verdi.
Ora aspetterò due o tre giorni, poi dovrò filtrare e preparare lo sciroppo aggiungendo zucchero.
Mi piacerebbe testarne l'azione sulla cellilite, ma sento già il sapore del mio prossimo Hugo

 

We use cookies
Sul nostro sito web utilizziamo dei cookie. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare il sito e l'esperienza dell'utente (tracking cookies). Potete decidere voi stessi se consentire o meno l'utilizzo dei cookie. Si prega di notare che se si rifiutano i cookie, l'utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.