• Category: Geopolitica
  • Hits: 172

LA GRANDE MENZOGNA DEL GRANO

di giandiego

L'Italia è sicuramente e colpevolmente (e stupidamente) dipendente per l'importazione di grano e cereali, ma non dall'Ucraina e dalla Russia, il che dimostra quanto gli aumenti del comparto siano ingiustificati e frutto di pura speculazione, che non viene arginata in alcun modo da un governo COMPLICE e CONNIVENTE.

L'impoverimento, a partire dall'aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, è un preciso progetto dell'élite di potere, la guerra un pretesto, un mezzo per raggiungere un fine (e per aumentare a dismisura gli incassi delle multinazionali delle armi, dopo aver abbondantemente nutrito  le farmaceutiche).

Semmai la sua incidenza è legata all'invio di armi (appunto!), che avviene a titolo gratuito da parte dei paesi occidentali e quindi al peso dei loro costi (molto ingenti)che vengono, ovviamente ed interamente, girati sul denaro pubblico.

E io pago!” per dirla con Totò, maschera tragica dell'italiano tipo, con Fantozzi (Villaggio) e Sordi.

Il grafico che accompagna questo articolo dimostra quanto poco incida l'importazione dalla Russia e dall'Ucraina sulla nostra dipendenza.

Questo vale per molti beni che la narrazione propagandistica fa risalire all'importazione dall'Ucraina o attraverso di essa.

La stessa incidenza del Gas importato dalla Russia pesa per il 30% circa, notevolissima, ma non micidiale come viene raccontata e soprattutto: un afflusso mai cessato, sino ad ora, anzi notevolmente aumentato e pagato in rubli, come da richiesta di Putin.

Qual'è allora il “complotto” reale che si nasconde dietro agliaumenti folli degli ultimi tempi? È un intento puramente speculativo, tragicamente omicida, in nome del Massimo Profitto Possibile, ma che non soggiace ad alcuna regola di “Domanda ed Offerta” ad alcuna logica di “disponibilità”, che non è causato se non indirettamente dalla follia assoluta d'una guerra fratricida, ma che è accuratamente predisposto per colpire il 99% della popolazione con un intento depopolativo e di mantenimento del potere.

La transizione dalla “Società dei Consumi” all'Evo Mediano verso qualche cosa didiverso è consumata e “l'attacco al cibo” ed ai bisogni fondamentali (Casa, Scuola, Sanità, Lavoro, Sussistenza) e fase necessaria alla realizzazione del progetto.

Inizia l'era delle “Corporation”, l'evoluzione delle multinazionali, entità mastodontiche ed assolutamente disumane e ciniche, che si sostituiscono agli stati nazionali ed infettano irrimediabilmente quelli federali, con i loro interessi mostruosi e privi di qualsivoglia empatia od attenzione all'umanesimo. Non a caso il loro futuro prossimo è legato all'abuso nell'uso  dell'intelligenza artificiale.

Inizia l'era delle guerre corporative e la battaglia d'Ucraina con la sua follia assoluta ne è anticipazione! Il sovranismo è pretestuosità grottesca, necessaria per infangare le giuste resistenze dei popoli con il marchio dell'imbecillità, a disinnescare queste forme di rivalsa e ribellione, con la definizione di “reazione fascistoide”, “retaggio novecentesco”, “populismo demenziale”, “complottismo ininfluente”.

In realtà resistere è necessario, organizzare alternativa indispensabile, umanizzare e spiritualizzare unica possibilità... ma questo lo abbiamo detto sin troppo spesso e per ora è una sceltamolto minoritaria, facciamola crescere con il nostro esempio!

We use cookies
Sul nostro sito web utilizziamo dei cookie. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare il sito e l'esperienza dell'utente (tracking cookies). Potete decidere voi stessi se consentire o meno l'utilizzo dei cookie. Si prega di notare che se si rifiutano i cookie, l'utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.