• Category: Spiritualità
  • Hits: 96

IL FEMMININO?

di giandiego

 

Le ultime dichiarazioni dalla nuova premier Liz Tuss e le grandi perplessità sollevate dal suo neo-ministro della salute Thérèse Coffey mi hanno indotto ad una riflessione. Mia figlia è una seguace della Dea, io stesso ho sempre pensato che la maturazione spirituale dovesse rivolgersi a Sacro Femminino e che comunque l'elevazione passasse dal concetto del cerchio che è tipicamente caratteristico di questo pensiero e di questa spiritualità. Pur essendo io stess , fondamentalmente, sincretico e non monolitico mi affascina quest'idea e questa rivalutazione della Lilith nascosta in ogni femmina.

Devo confessare però che alcuni sviluppi delle donne al potere (in questo sistema , va detto) mi crea qualche imbarazzo.

A prescindere dalle farneticazioni nucleari e guerrafondaie della Signora Tuss viene da pensare alla passione per il potere di Hillary Clinton o al cinismo di Condeelezza Rice ed ancora inoltrandosi nel tempo a Isabel Peron o a Golda Meyr per non parlare delle figure a noi vicine Angela Merkel, piuttosto che Ursula von der Leyen... e devo confessare che questo potere femminile qualche brivido me lo provoca, e l'elenco potrebbe continuare.

Molti attendevano il potere delle donne ad una prova pratica e non mi pare che le donne di potere escano molto bene da questa analisi. Maschi mancati, aderenti al modello degli “Uomini del Ferro” d'antica memoria, nulla a che vedere con il matriarcato della Gilania.

E se tutto questo fosse preordinato? Pensato. Certo si fa in fretta a dire “complottista”, ma di complotti e strategie a lunghissimo termine è densa la storia del potere... nei secoli dei secoli.

Se questo fosse pensato proprio per stemperare e svuotare di senso tutta la costruzione filosofico-teologica del divino femminino. Non sarebbe la prima volta che il pensiero e le strutture del potere, palese e segreto, si mobilitano, in gran pompa, contro di esso. Dall'emarginazione di Lilith, alla distruzione delle società gilaniche, sino alla derisione e l'annullamento della Maddalena, passando per la caccia alle streghe, quale dimostrazione migliore che il poter affermare che donna o uomo non cambi nulla nella gestione del potere?

Ribadire un'uguaglianza anziché una differenza (errore comune anche a molto movimento femminista).

Oggi purtroppo dobbiamo affermare che in questo sistema che il burattino al centro della scena sia donna o uomo non cambia in alcun modo il rapporto di potere.

E la Curandera? Il Sacro, la Dea? Il materno, l'amorevole, il carnale, il solidale profondo? Dove sono... dov'è il cambiamento? E se fosse proprio contro questo che si sta mobilitando tutto il sistema? Pensateci!

 

 

We use cookies
Sul nostro sito web utilizziamo dei cookie. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare il sito e l'esperienza dell'utente (tracking cookies). Potete decidere voi stessi se consentire o meno l'utilizzo dei cookie. Si prega di notare che se si rifiutano i cookie, l'utente potrebbe non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.